Visita al Palácio da Pena a Sintra

Visita il Palacio da Pena a Sintra
Visita il Palacio da Pena Sintra Lisbona

Palácio da Pena : Prenota la tua visita

Prenota qui sotto la tua visita al Palácio da Pena nella regione di Lisbona. Tutti i tour offerti sono altamente commentati, condotti da una guida che parla la tua lingua e possono essere prenotati o cancellati rapidamente con pochi click.

Introduzione al Palácio da Pena

Il Palácio da Pena si trova nell’affascinante periferia di Lisbona – Sintra. Su un’alta collina nelle montagne di Sintra, non lontano dall’omonima città, sorge il castello da favola. Nelle giornate limpide, il Palazzo Pena è visibile anche da Lisbona e da gran parte della città. Il Palazzo Pena è patrimonio mondiale dell’UNESCO, monumento nazionale del Portogallo e una delle sette meraviglie del paese, insieme al Castello di Guimarães, Castello di Obidos, Monastero di Batalha, Monastero di Alcobaça, Monastero di Jerónimos e Torre di Belem.

Terrazze del Palacio da Pena Sintra

Il Palácio da Pena viene utilizzato anche per manifestazioni ufficiali dello Stato. E il palazzo più importante di Pena è semplicemente magnifico, assolutamente favoloso e insolito. Questo è qualcosa che si dovrebbe sicuramente visitare a Sintra.

Visita il Palácio da Pena a Lisbona

Prima da Lisbona si deve andare alla stazione Rossio, poi in treno fino a Sintra, a 40 minuti di distanza. Il prezzo del viaggio in treno è di 2,90 € e si può pagare con la carta o acquistare i biglietti ai bancomat della stazione. Dalla stazione di Sintra si può prendere l’autobus n. 434 o andare all’ingresso del Palácio da Pena per visitarlo: Il viaggio dura 5-10 minuti. Il costo del biglietto dell’autobus è di €4 di sola andata o €6,90 di andata e ritorno, questo autobus non può essere pagato con una carta e il biglietto deve essere acquistato direttamente dall’autista.

In linea di principio, è possibile salire in montagna, ma solo per persone fisicamente e fisicamente molto forti. La montagna è piuttosto alta – la cima della Cruz Alta nella catena montuosa di Sintra si trova a 528 metri sul livello del mare.

Gli orari e i prezzi sono stagionali. I prezzi sono più elevati fino al 27 ottobre, seguiti da un leggero calo. È possibile acquistare solo i biglietti per il parco del Palácio da Pena o i biglietti per il Palácio da Pena + Park. Non solo si può visitare il Palazzo Pena.

bus visita pena palacio

Il Palácio da Pena non si trova direttamente all’ingresso del parco. Dall’ingresso si può andare al palazzo o prendere un altro autobus a 3€. La maggior parte delle persone sarà in grado di camminare in questo modo facilmente.

Palácio da Pena : gli interni

L’interno del palazzo è molto interessante. Le volte gotiche conferiscono alle stanze una certa oscurità. Le finestre e le camere sono piuttosto piccole e poco luminose, ma la vista dietro le finestre è assolutamente magnifica. Si può vedere il castello moresco in piedi su un’altra cima.

Per prima cosa i visitatori entrano nell’ex cortile interno del monastero – una club house. La sala da pranzo della famiglia reale occupa lo stesso posto della sala da pranzo del monastero. Il cambiamento più evidente nel XIX secolo è stato il rivestimento murale della fabbrica di Roisir. Sugli scaffali d’angolo si trova la collezione di ceramica creata da re Ferdinando II, i piatti sono disposti secondo fotografie storiche, cioè come se fossero sotto il re Ferdinando.

La grande sala del Palácio da Pena è la sala più grande e luminosa del palazzo. All’inizio doveva essere la sala di ricevimento ufficiale, ma poi il re l’ha trasformata in una sala da biliardo con eleganti divani e poltrone. Il salone principale del palazzo è stato restaurato nel 2014.

Visitatore palacio pena sintra interno

Il parco del Palácio da Pena è semplicemente enorme, la sua superficie è di oltre 200 ettari. L’intero parco è situato in un terreno accidentato, con molti angoli belli, elementi architettonici e il numero di piante straniere rare e molto importanti. E’ come un giardino botanico. I biglietti sono accompagnati da un contrassegno di parcheggio per non perdere nulla.

Architettura il Palácio da Pena

L’architettura del Palácio da Pena è un mix di diversi stili, tipico del romanticismo del XIX secolo. Nei dettagli del Palazzo della Pena ci sono elementi gotici, moreschi e persino rinascimentali. Nell’architettura ci sono anche molti riferimenti ai famosi edifici di Lisbona. Il cancello d’ingresso mostra chiaramente i motivi di una casa a punta (Casa dos Bicos), e le torri ai bordi ricordano la torre di Belém. Il portale d’ingresso è un incrocio tra l’arco trionfale e le porte fortificate medievali che conducono al castello.

Il famoso Tritone – un ambiente strano, si rivela essere un simbolo della creazione del mondo dei quattro elementi: Cielo e terra, fuoco e acqua. Al posto delle gambe ha le code di pesce e le sue mani diventano gradualmente dei viticci.

Storia del Palácio da Pena

La storia del Palácio da Pena risale al XII secolo, quando in cima alla collina fu costruita una piccola cappella in onore della Vergine Maria. La leggenda vuole che il meraviglioso fenomeno della Vergine Maria abbia avuto luogo qui.

Nel 1501, il re Manuel I decise di costruire un monastero in onore della Vergine Maria di Pena sul luogo della cappella. La costruzione del monastero avvenne quasi contemporaneamente alla costruzione del famoso monastero di Jerónimos nella regione di Belém di Lisbona. Ma il monastero di Pena aveva un budget molto inferiore. Il monastero non ha mai avuto più di diciotto monaci. Era un posto molto isolato, lontano dal trambusto del mondo. Solo occasionalmente i sovrani del Portogallo lo onoravano con la loro visita.

visita palacio pena sintra antico

Nel XVIII secolo il monastero fu colpito da un fulmine e tutte le sue parti in legno furono bruciate. E nel 1755 il grande terremoto di Lisbona la trasformò in rovine. Solo una piccola cappella, presumibilmente costruita su progetto di Nicolas Cantherini, è rimasta quasi intatta dopo il terremoto. Nicolas Cantherini lavorò anche alla costruzione del monastero di Jerónimos a Belém.

Le rovine del vecchio monastero sono state dimenticate da tempo, tutti gli sforzi sono stati concentrati sul restauro della capitale e nessuno si è occupato del piccolo monastero in cima alla montagna. Fu solo nel 1838 che il giovane re Ferdinando II si interessò. (Fernando II.) era interessato a questo posto meraviglioso.

Nato in Germania, Fernando fu principe della Casa di Sassonia-Coburgo e Gotha-Kohari, e trascorse la sua infanzia alle corti di Austria e Baviera. In seguito sposò la regina del Portogallo Maria II, ebbe il suo primo figlio e fu nominato re e fondatore della nuova dinastia. Così si era già avvicinata allo stile molto forte dell’architettura romantica bavarese.

Ferdinando acquistò il terreno dell’ex monastero, diversi terreni circostanti e le rovine del castello moresco nel distretto. Decise quindi di trasformare le rovine del monastero in un palazzo che servisse come residenza estiva della famiglia reale portoghese. Il restauro dell’edificio è stato affidato al tenente generale Wilhelm Ludwig von Eschwege, ingegnere minerario.

Eschwege, un architetto dilettante tedesco, ha viaggiato molto e probabilmente ha visitato diversi castelli nella valle del Reno. La costruzione continuò tra il 1842 e il 1854 e fu quasi completata nel 1847: Il re Ferdinando e la regina Maria II hanno partecipato alla decorazione del Palácio da Pena. Il re propose, tra l’altro, archi a volta, elementi medievali e islamici e disegnò una finestra riccamente decorata per la facciata principale (ispirata alla finestra del monastero dell’Ordine di Cristo a Tomar).

Nel 1853 la regina Maria morì improvvisamente e cercò di dare alla luce il suo undicesimo figlio. Ferdinando divenne reggente prima che suo figlio, poi re Pedro V, raggiunse la maggiore età.

Palacio da Pena visita la terrazza della Regina

Dopo la morte di Ferdinando, il palazzo fu rilevato dalla sua seconda moglie. La contessa era stata una cantante lirica e il suo rapporto con il re era molto misterioso. Fu costretta a vendere il palazzo al re Luis. Nel 1889 il Palácio da Pena fu acquistato dallo stato portoghese e dopo la rivoluzione repubblicana del 1910 fu riconosciuto come monumento nazionale e trasformato in museo.

L’ultima regina del Portogallo, la regina Amelia, ha trascorso la sua ultima notte nel palazzo prima di lasciare definitivamente il Portogallo. Il palazzo attirò rapidamente i visitatori e divenne uno dei monumenti più visitati del Portogallo. Con il tempo, i colori delle facciate rosse e gialle sono scomparsi e sono diventati completamente grigi. Alla fine del XX secolo, il palazzo è stato ridipinto e i colori originali sono stati restaurati.

Nel 1995 il palazzo e il resto del paesaggio culturale di Sintra sono stati dichiarati patrimonio mondiale dell’UNESCO.